Napoli Pizza Village: tutti pazzi per la pizza. Oltre 70 mila i visitatori, 60mila le pizze sfornate

Napoli Pizza Village: tutti pazzi per la pizza. Oltre 70 mila i visitatori, 60mila le pizze sfornate

Successo alla mostra d’oltremare per napoli pizza village. Oltre 500 bambini al laboratorio promosso da ministero, premiate 3 pizzerie per l’iniziativa sulla raccolta differenziata promossa dall’asia ed estratti i primi tre premi del concorso “gusta e vinci” dedicato a tutti i visitatori.

 

Dopo la mezzanotte di ieri si sono spente le ultime fiamme che in cinque giorni hanno riscaldato i forni allestiti nella Mostra d’Oltremare, dove si sono alternati centinaia di pizzaiuoli professionisti per il “NAPOLI PIZZA VILLAGE”.
Si è concluso ieri sera l’evento sociale e gastronomico, accompagnato dai  consensi di pubblico ed istituzionali e da un significativo record di numeri.
Organizzata e promossa dall’Associazione Pizzaiuoli  Napoletani in partnership con il Ministero delle Politiche Agricole  Alimentari e Forestali, con il patrocinio di Comune, Provincia di  Napoli e Regione Campania e con il supporto di PuntoCOM ADV, la manifestazione ha registrato la presenza di oltre 70 mila visitatori, tra napoletani e turisti italiani e stranieri diventano in poco tempo un vero e proprio villaggio di attrazione e di degustazione.

Circa 60 mila le pizza preparate nel corso delle 5 serate, dalle 20 pizzerie presenti, con l’utilizzo di circa 10 mila kg di farina offerta da Molino Caputo, 5000 kg di fiordilatte,  circa 6000 kg di pomodoro, 4.800 litri di olio. Ieri sera anche nel nuovo villaggio della pizza sono state ricordate le  3000 vittime del terribile attentato alle Torri gemelle di 10 anni fa alla presenza di rappresentanti istituzionali, del presidente dell’Apn Sergio Miccù, del promoter dell’evento e responsabile marketing dell’Apn Claudio Sebillo , di Antimo Caputo amministratore unico di Molino Caputo e di altri sostenitori ed esperti del settore. Tutti  i pizzaiuoli di Napoli e provincia che hanno aderito al NAPOLI PIZZA VILLAGE,  hanno dato il loro contributo preparando e  presentando la pizza denominata “Ground Zero”, il luogo di quella tragedia nella quale morirono 2.752 persone, tra queste 343 vigili del fuoco e 60 poliziotti. La maggior parte delle vittime erano civili di 70 diverse nazionalità.

Numeri da record anche per i più piccoli. Oltre 500 bambini hanno partecipato al laboratorio per piccoli  apprendisti pizzaiuoli promosso   dal Ministero per le Politiche  Agricole, Alimentari e Forestali.   Grazie ad esperti maestri ed un  piccolo forno centinaia di bambini,   con cappellino verde e grembiule  bianco, hanno provaTo l'emozione di impastare ed infornare piccole  margherite.

Concluso anche il concorso promosso dall’ Asia, l'azienda del Comune di Napoli responsabile della raccolta dei rifiuti in citta'. Ieri sera sono stati conferiti i quattro premi che sono andati alla pizzeria Il GUAPPO per la qualita' della raccolta della frazione organica; premio per la quantita' e la qualita' della raccolta della frazione multi materiale alla pizzeria VESI; premio per l'opera di sensibilizzazione dei visitatori alla pizzeria NAPOLI NAPOLI; premio per le attivita' educative e di laboratorio di riciclo creativo all’organizzazione RICICLARTE presente con uno stand al NAPOLI PIZZA VILLAGE. I premi sono stati consegnati da Raffaele Del Giudice consigliere del CdA dell’Asia e direttore di Legambiente Campania

A fine serata l'attesa estrazione finale concorso Gusta&Vinci, riservato a tutti i visitatori che hanno gremito il villaggio da mercoledì a domenica, che ha dato  la possibilità a 3  fortunatissimi di vincere: 1° premio: Fiat 500 - 2° Premio: Scopa  elettrica Folletto; 3° Premio: Un buono spesa presso il Centro  Commerciale Quarto Nuovo del valore di € 500,00.

Tutte le serate di musica ed intrattenimento hanno visto protagonista Radio Marte e il noto speaker  Gigio Rosa che ha anticipato anche tutti momenti di spettacolo inseriti nel programma, come quelli di Peppe Barra, Diego Sanchez. Gigi e Ross con i protagonisti di Made in Sud e Peppe Iodice.

La pizza è un patrimonio storico e culturale di questa città, un fenomeno aggregativo che non bisogna trascurare ed è soprattutto, nella sua semplicità, un elemento di sviluppo sociale e lavorativo di grande importanza. E’ stato questo il pensiero condiviso da tutti gli organizzatori di NAPOLI PIZZA VILLAGE.
Appuntamento al prossimo anno, naturalmente a Napoli!

GI Metal
Izzo Forni
Farina Tv